Velocizzare Windows Vista modificando la memoria dedicata al FileSystem

Mi sono sempre chiesto perchè Windows non permetta di definire una grandezza arbitraria della cache del filesystem. Pre chi ha, ad esempio, ha un laptop, magari con disco fisso lento (a 5400 giri al minuto o anche meno), risulterebbe comodo poter utilizzare parte della memoria RAM in esubero come memoria cache e velocizzare le operazioni di lettura e scrittura e quindi di tutto il pc in generale.

Il sito HowToGeek propone un’ottima soluzione basata su un trucchetto documentato che permette di specificare che Windows deve utilizzare più cache per le operazioni relative al file system NTFS, operazione che dovrebbe far aumentare notevolmente la velocità dell’intero sistema soprattutto se il computer apre e chiude spesso piccoli file.

Stando alla documentazione Microsoft:

Increasing physical memory does not always increase the amount of paged pool memory available to NTFS. Setting memoryusage to 2 raises the limit of paged pool memory. This might improve performance if your system is opening and closing many files in the same file set and is not already using large amounts of system memory for other applications or for cache memory. If your computer is already using large amounts of system memory for other applications or for cache memory, increasing the limit of NTFS paged and non-paged pool memory reduces the available pool memory for other processes. This might reduce overall system performance.

Ho testato personalmente questa modifica riscontrando un piccolo miglioramento nella performance anche se, non avendo eseguito nessun benchmark approfondito, non posso confermare che la mia non sia solo una sensazione. Spero di vedere le vostre impressioni nei commenti.

Read more

Doppio Monitor: Utilizzare uno sfondo diverso in Windows Vista o XP

Già diversi tutorial tempo fa spiegavano come utilizzare 2 sfondi diversi in Windows XP utilizzando Active Desktop. Queste guide non sono più valide nel momento in cui si comincia ad utilizzare Windows Vista come proprio sistema operativo.

Invece di pagare svariati euro per un software che permetta diversi wallpaper, oppure creare degli sfondi in Photoshop, Jon Tackabury ha creato un piccolo software gratuito che permette di settare wallpaper differenti per ogni monitor, ma non solo.

Un volta che il software è stato installato, noterete una nuova icona nella barra tray a forma di monitor. Cliccando la voce Desktop Wallpaper si aprirà una finestra dalla quale potrete settare i vostri sfondi.

Dual monitor for windows vista and xp system tray

Read more

Creare un file server casalingo con Ubuntu. Guida passo a passo. Parte 3

Come promesso ecco la terza ed ultima parte (prima parte, seconda parte) del tutorial che spiega come trasformare un vecchio PC con sufficiente spazio su hard disk in un efficiente file server.

4 Abilitare l’account di root

Dopo il riavvio ora potete loggarvi con la username creata durante l’installazione di Ubuntu. Dato che dovremo eseguire tutti i prossimi comandi come utente root provvederemo ora alla sua attivazione; Ubuntu infatti disabilita questo utente come impostazione predefinita.

Eseguiamo quindi

sudo passwd root

creando una password per l’account root. Vi ricordo che una password dovrebbe sempre essere sicura ed essere quindi lunga almeno 8 caratteri, nonchè contenere almeno una lettera minuscola, una maiuscola, un numero ed un carattere speciale. Settata la password possiamo diventare amministratori inserendo il seguente semplice comando:

su

 

5 Configuriamo la rete

Siccome la configurazione di default di Ubuntu ha scelto automaticamente di configurare la nostra rete tramite un server DHCP, siamo costretti ad intervenire manualmente per avere un indirizzo IP statico, come si conviene ad un server. Modifichiamo quindi il file /etc/network/interfaces con il seguente comando:

nano /etc/network/interfaces

Read more

Creare un file server casalingo con Ubuntu. Guida passo a passo. Parte 2

In questa seconda parte della guida per trasformare un vostro PC in un server casalingo continueremo e completeremo l’installazione di Ubuntu Server.

Nell’ultima puntata eravamo rimasti al punto in cui l’installazione chiedeva di completare la configurazione della rete. Procediamo quindi ad inserire il nome del computer nella rete (hostname). In questo esempio il server si chiamerà server1.example.com, così inseriremo server1:

Ubuntu Home Server

Procediamo quindi al partizionamento dell’harddisk. Per partizionamento si intende la suddivisione del disco fisso in diverse zone che normalmente sono utilizzate dal sistema operativo e dalla memoria virtuale. In questa guida, per semplicità, creeremo una grande partizione principale di root e una piccola partizione dedicata alla memoria virtuale. Quindi scegliamo il partizionamento guidato:

Read more

Creare un file server casalingo con Ubuntu. Guida passo a passo. Parte 1

Questo tutorial spiegherà come trasformare un vecchio PC con sufficiente spazio su hard disk in un efficiente file server. Lo scopo di questa guida è farvi creare un server casalingo senza troppe pretese, ma che sarà accessibile sia da computer Windows che Linux.

La guida inoltre vi permetterà di creare un server che utilizza dischi formattati in NTFS. Questo accorgimento vi permetterà di utilizzare i dischi in futuro sia su computer Windows che Linux semplicemente smontandoli e attaccandoli al nuovo computer.

Le caratteristiche del server saranno Ubuntu Server 7.10 e Samba. Non usate le versioni precedenti di Ubuntu Server perchè non supportano gli ultimi adattotori SATA e rischiate quindi che i vostri dischi non vengano riconosciuti.

1 – Prepariamo il necessario per l’installazione

Per installare questo sistema averete bisogno di:

Read more

E’ ufficiale: HD-DVD è morto. Blu-Ray ha vinto.

The end of HD DVD, Blu ray wins.

Toshiba, il principale produttore di lettori HDDVD, ha ufficialmente chiuso l’argomento HD-DVD. Reuters ha confermato sabato che Toshiba smetterà di produrre apparati HD-DVD, facendo seguire quindi i fatti alle parole dopo che un annuncio in questa direzione era stato fatto al canale televisivo giapponese NHK.

Read more

Il primo benchmark dell’Apple MacBook Air

apple macbook air

Uscito da pochissime settimane, il MacBook Air ha mostrato la sua incredibile compattezza ed il suo peso piuma  nei blog  di mezzo mondo. Nessuno però aveva ancora avuto modo di provarlo per testarne le prestazioni.

Gizmodo ha avuto la fortuna di ricevere uno dei primi modelli prodotti dalla casa della grande mela mettendolo subito a confronto con un MacBook ed un MacBook Pro.

Read more

Steve Jobs: “le persone non leggono più i libri”

Amazon Kindle Screenshot

I libri su carta sono un piacere da leggere. Profumano, e il piacere di sfogliare un libro supera di gran lunga la comodità di utilizzare apparecchi elettronici sempre più sofisticati.

Infatti, costruire lettori elettronici portatili in grado di visualizzare del testo è molto semplice; ma riuscire ad ottenere il livello qualitativo della stampa su carta è davvero difficile.

Amazon ci ha provato qualche mese fa con il suo gioiello della tecnologia, il lettore portatile Kindle. Può memorizzare più di 200 libri completi e visualizzare giornali online, così come blog e altre forme di comunicazione. La sua tecnologia E-Ink, permette di visualizzare i testi con un grado di nitidezza mai visti prima, risparmiando notevolmente le batterie perchè l’apparecchio è acceso solo durante il cambio di una pagina. Il resto del tempo infatti Kindle è spento ma la tecnologia E-Ink permette di far rimanere il testo visibile anche ad apparecchio spento.

Read more

Proteggere la propria USB Pendrive con password

Sempre più spesso le Pendrive o "chiavette USB" vengono utilizzate per portarsi quotidianamente in tasca una quantità significativa di dati.

Con lo sviluppo esponenziale di questa tecnologia siamo passati in meno di 2 anni da capienze di 128Mb a 32Gb, ovvero la capacità di un Hard Disk di qualche anno fa.

Possono essere utilizzate in molti modi, ma soprattutto vengono utilizzare per contenere dati che utilizziamo sistematicamente e in più luoghi, in altre parole dati molto importanti. Read more

Un contapassi nel Nokia N95 e N82: gratis

E’ il periodo dei programmi in grado si sfruttare l’accelerometro del Nokia N95. Oggi vi voglio parlare di un software gratuito rilasciato dai laboratori Nokia:Activity Monitor. In parole povere si tratta di un vero e proprio contapassi con innumerevoli funzioni avanzate.

Activity Monitor - Main Menù

Activity Monitor - Main Screen

Sfruttando infatti i movimenti dell’accelerometro questo software è in grado di riconoscere i passi, calcolare le distanze percorse ed approssimare il consumo di chilocalorie basandosi sulla velocità e sulla tipologia di movimenti effettuati. Read more

← Previous PageNext Page →